domenica 4 agosto 2013

Monsieur Morrel

Armatore del Pharaon, Morrel é colui che rimane sempre fedele a Dantes. Anche quando il giovane viene imprigionato, tenta di salvarlo ed accudisce Mercedes e il suo vecchio padre; fatto che il Conte non lascerá irricompensato.

Ritratto di George Colman il vecchio, di Joshua Reynolds

L´armatore Morrel é il primo ad accorrere quando il Pharaon entra nel porto di Marsiglia, preoccupato per il carico. Dopo essersi informato sull´accaduto, si rende conto di quanto effettivamente Edmond sia amato dall´equipaggio, capace ma soprattutto fedele; amato da tutti ma non da Danglars, che rivela a Morrel l´esistenza della lettera di Leclerc. Morrel comunque decide di non indagare e rivede Dantes il giorno del fidanzamento, dopo avergli quasi assicurato la promozione a capitano del Pharaon. Quando peró il giovane viene arrestato, subito ne chiede ai gendarmi il motivo e riferisce la natura bonapartista del crimine. Decide di andare a parlare direttamente con Villefort che, poiché nutre sull´armatore sospetti sulla sua fede politica imperialista, lo tratta con rude freddezza. Durante i cento giorni, Morrel decide di riprovare a liberare il prigioniero, ma l´atteggiamento rimane lo stesso

"Morrel si aspettava di trovare Villefort prostrato; lo trovó invece come l´uomo visto sei settimane prima: calmo, fermo e atteggiato a una fredda cortesia, la piú invalicabile di tutte le barriere che separano l´uomo di elevata condizine dall´uomo comune."

Dopo aver ampliato la sua attivitá, Morrel si trova in serie difficoltá economiche per via di alcuni carichi andati persi. Allora arriva Montecristo, sotto le spoglie di Lord Wilmore, e riesce a diventare unico creditore nei confronti della compagnia. Quando sembra che anche l´ultimo carico sia spacciato, decide per il suicidio. Convocato il figlio Maximillien, gli dice addio con il piú emozionante dei dialoghi che si hanno nl corso della narrazione. Pronto all´atto piú estremo, ecco che Montecristo gli giunge in aiuto:

"In quel momento un sudore freddo gli passó sulla fronte, un´angoscia mortale gli serró il cuore. Udí la porta delle scale cigolare sui cardini. Poi si aprí quella dello studio. La pendola stava per suonare le undici. Morrel non si voltó; aspettava queste parole di Cocles: 'L´agente della casa Thomson e French'. Avvicinó l´arma alla bocca... Improvvisamente udí un grido: era la voce di sua figlia. Si voltó e vide Julie. La pistola gli sfuggí di mano.
'Padre mio! - gridó la ragazza ansimante e quasi soffocata dalla gioia, - salvo, siete salvo!'"

Julie, sua figlia, gli porta la borsa di seta rossa con la quale aveva salvato Louis Dantes contenente la cosiddetta 'dote di Julie', pari al denaro dovuto da Morrel. Inoltre Montecristo riesce a rimettere in piedi il Pharaon, andato in realtá distrutto in un viaggio di ritorno da Calcutta, e a restituire la sua dignitá all´armiere. Il vecchio Morrel sará poi premiato grazie al sogno di vedere coronato l´amore del figlio e Valentine Villefort.